Close

Chiudere la partita Iva: come fare (e quando avviene in automatico)

Può capitare che un freelance si ritrovi a dover chiudere la propria partita Iva per i motivi più svariati: un giro d’affari insoddisfacente, un’assunzione, un trasferimento all’estero… in questi casi, è necessario inviare la comunicazione di chiusura della partita Iva all’Agenzia delle Entrate (e non solo!). Talvolta, è l’Agenzia stessa a chiudere in automatico una partita Iva inattiva.

Approfondiamo insieme?

Come chiudere una partita IVA

Per i liberi professionisti, chiudere la partita IVA è semplice e non comporta costi.

La prima cosa da fare è compilare il modello AA09/12 e barrare la voce “cessazione attività”.

La comunicazione può essere:

  • inviata per  via telematica tramite un intermediario (il commercialista)
  • presentata  allo sportello di un ufficio dell’Agenzia delle Entrate (compilato in duplice copia)
  • inviata come raccomandata (in un’unica copia con allegato un documento d’identità)

Nel caso in cui si scelga di inviare il modulo per via telematica, basteranno poche ore per avere la conferma della chiusura.

Per quanto riguarda la chiusura della posizione INPS, il discorso è un po’ diverso perché dipende dalla gestione a cui si è iscritti: un freelance iscritto alla Gestione Separata INPS, ad esempio, non ha l’obbligo di inviare una comunicazione.

Se invece si è iscritti a un albo professionale, sarà necessario informare sia la cassa che l’albo della chiusura della partita Iva. Ogni cassa ha le sue regole, in linea di massima, però, basterà una comunicazione.

Nel caso di artigiani e commercianti le cose si fanno più complesse: dovranno comunicare a tutti gli enti la cessazione dell’attività (INPS, INAIL, CCIAA e Agenzia delle entrate), attraverso la pratica Comunica grazie all’aiuto di un intermediario.
I commercianti, inoltre, devono comunicare la chiusura della partita Iva allo sportello Suap del comune di residenza.

Chiusura delle partite IVA inattive

Il decreto 193 del 2016 ha introdotto una novità importante per quanto riguarda le partite IVA inattive da almeno tre anni: le sanzioni per la mancata dichiarazione di cessazione attività sono state annullate. Dunque, anche se il libero professionista dimentica di inviare la comunicazione, non sarà costretto a pagare sanzioni (salate!): sarà poi l’Agenzia delle Entrate a comunicargli la chiusura.

Devi chiudere la partita Iva? Contattaci!

Ti daremo una mano noi a compilare il modulo AA09/12 e a chiudere la tua partita Iva, svolgendo tutte le pratiche per te. Chiedici una consulenza!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares