Close

Regime forfettario: si può assumere un dipendente?

Sei un libero professionista, hai aperto la partita Iva a regime forfettario e ti sei lanciato con tutto l’entusiasmo che hai in corpo nel mondo del lavoro.

Hai successo, cresci, la gente comincia a parlare di te e, soprattutto, arrivano tanti clienti… bello vero?

Certo, è fantastico, è il diorama perfetto! Ma se il lavoro diventa troppo e ti dovessi accorgere che non riesci a smaltire tutto il da farsi, tu, titolare di una partita iva “forfettaria” puoi assumere un dipendente?

La risposta è “sì, ma dipende”.

Assumere un dipendente: come fare se è nel regime forfettario

Ricordiamo che la legge prevede che possano accedere al regime i professionisti che abbiano sostenuto spese non superiori a 5.000 euro lordi per “lavoro accessorio, lavoro dipendente e per compensi erogati ai collaboratori”.

Chi lavora con la partita Iva a regime forfettario può dunque assumere uno o più dipendenti senza che ciò comporti la fuoriuscita dal regime, ma attenzione: la retribuzione al dipendente non deve superare i 5000 euro lordi annui, pena l’esclusione dal regime agevolato a partire dal periodo d’imposta successivo.

Nei 5.000 euro lordi rientrano i costi relativi a:

  • retribuzione
  • oneri sociali
  • INPS e INAIL

Sono un dipendente: posso accedere al regime forfettario?

In questo paragrafo spostiamo l’attenzione su un’altra domanda che ci viene fatta molto spesso: “sono un dipendente (o un pensionato), ho già un reddito, posso accedere al regime agevolato?”

Anche in questo caso, la risposta è “sì, ma dipende”.

La legge di stabilità del 2016 prevede infatti che chi svolge un’attività da dipendente possa aprire una partita IVA regime forfettario purché i redditi da dipendente non superino i 30.000 euro annui.

Se sei un dipendente privato e titolare di partita IVA come libero professionista senza cassa, devi iscriverti alla gestione separata INPS.

Per maggiori informazioni i nostri consulenti sono a vostra completa disposizione, anche tramite WhatsApp!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares